Caos procure, i renziani dopo l’autosospensione di Lotti: “Non ha commesso reati, nel Pd due pesi e due misure. Oliverio e gli altri?”

lotti boschi"Zanda chiede a Lotti di fare un passo indietro rispetto al partito, ma Lotti e' un parlamentare, non un ministro. E' una richiesta di una gravita' enorme dirgli devi uscire provvisoriamente dal partito". Cosi' Roberto Giachetti all'incontro nazionale della sua area di minoranza nel Pd ad Assisi. "C'e' stato un problema serio per Catiuscia Marini in Umbria e immediatamente le vengono chieste le dimissioni, dopo un po' di tempo Oliverio in Calabria riceve un avviso garanzia, avete sentito voi una richiesta di dimissioni? No. Non potremmo usare lo stesso criterio? Senno' che criterio e'? Di genere, congressuale, cosa? - ha proseguito -. E poi arriva un avviso di garanzia al governatore della Puglia, non ho sentito che sia stato chiesto a Michele Emiliano di fare un passo indietro"."Sembra che nel campo della politica quel che ha fatto Lotti non abbia paragoni - ha proseguito il deputato -, ma quando D'Alema ha fatto i comitati per il No al referendum nessuno gli ha chiesto di sospendersi dal Pd. E quando Emiliano ha sputtanato questo partito? Ha fatto lo schifo?".
"Sono arrivati piu' attacchi a Lotti dall'interno del Pd che dagli avversari politici. Autosospendendosi ha fatto una scelta che non era scontata e dovuta, di grande generosita' verso la comunita' del Pd e va quindi rispettato" ha dettto Maria Elena Boschi, oggi ad Assisi per intervenire al primo incontro nazionale della mozione "Sempre Avanti". Boschi si e' augurata pero' che "in una comunita' come il Pd, vista anche la disponibilita' di Lotti, ci si possa parlare guardandosi negli occhi". "E non - ha concluso Boschi - con interviste che sparano addosso ai compagni del proprio partito".
"In politica c'e' una questione etica e morale che non puo' essere ignorata e questa riguarda tutti. Non si possono fare due pesi e due misure". E' quanto afferma in una nota Stefano Pedica del Pd. "La politica, per riconquistare la fiducia dei cittadini, deve recuperare due parole fondamentali: etica e morale - sottolinea Pedica. "Zingaretti ha un compito importante nel Pd: deve fissare regole certe e farle rispettare da tutti. Lotti responsabilmente ha fatto un passo indietro e si e' autosospeso dal partito. Ora, pero', devono farlo anche tutti i rinviati a giudizio".

La deputata renziana Alessia Morani in un'intervista al Corriere della Sera torna a difendere Luca Lotti: "Non ha commesso alcun reato. Qual e' la sua colpa, frequentare magistrati? Quale tipo di influenza - osserva - puo' esercitare un deputato di opposizione, che sta in minoranza anche nel suo partito, rispetto a nomine fatte dal Csm? Nelle intercettazioni Lotti non nomina mai la parola Consip". "Il Csm e' un organo molto politico, stupirsi dei rapporti tra politica e magistratura e' ridicolo", prosegue la parlamentare del Pd. "Il vero problema e' il correntismo esasperato e il metodo di elezione del Csm. Di questo un partito serio dovrebbe occuparsi".
Il capogruppo del Pd al Senato Andrea Marcucci, intervistato da Qn, si dice "contrario a scissioni e scioglimenti, "ma qualcuno ne parla". "La nuova segreteria purtroppo manda un messaggio molto chiaro. Si e' deciso di formarla guardando al passato e non al futuro. Cio' che mi colpisce negativamente e' che si e' puntato tutto su un'unica origine fondativa, azzerando tutte le altre. Se si volessero rifare i Ds - sottolinea - sarei fuori posto". La direzione di martedi' "e' un avvio di discussione. Il tempo ce l'abbiamo. Ma non dipende solo dal mio atteggiamento bensi' dalle logiche con cui si andra' a discutere. Se qualcosa o qualcuno non va, ditelo. Subito", chiede Marcucci. "Le primarie hanno confermato la nostra forza", osserva parlando dei risultati in Toscana. Su Zingaretti, "ho apprezzato le sue parole sull'autosospensione di Luca Lotti, meno quelle di Zanda. E poi la composizione delle liste elettorali delle Europee mi e' sembrata giusta, comunque rappresentativa", dichiara Marcucci. Quanto a Lotti, "ha tutta la mia solidarieta'. Il suo gesto e' corretto perche' serve ad accelerare l'accertamento della verita'. Sono convinto che non abbia commesso alcuna irregolarita'".