Regionali, Ferro (FdI): “Vorrei candidarmi alla presidenza della Regione Calabria, ma rispetto impegni con FI”

ferrowanda22nov500"E' una sfida poter cambiare le sorti della propria terra: mi piacerebbe candidarmi alla presidenza della Regione. Ma, nel rispetto degli impegni, spetta a Forza Italia proporre il nome del candidato di centrodestra per la Calabria. Che ancora non c'è". A dirlo all'Adnkronos Wanda Ferro, la deputata di Catanzaro di Fratelli d'Italia, alla quale non dispiacerebbe lasciare il Parlamento per governare la sua terra. Ma così non sarà, a quanto pare. "Ho espresso solo un desiderio - chiarisce -. Le sorti di un territorio difficile come quello calabrese si possono cambiare, sarebbe stata una bella sfida". D'altronde Ferro, prima donna ad essere stata eletta presidente di una Provincia calabrese, continua a battagliare per migliorare la situazione nella sua Regione. Oggi ha depositato una interrogazione sulla presunta presenza di arsenico nei terreni dello Ionio cosentino, in relazione alla nuova strada statale 106.

"Secondo un osservatorio - ricorda Ferro - le incidenze tumorali in alcune zone della Calabria sono molto più importanti rispetto ad altre. Sulla bonifica a Crotone abbiamo fatte tante battaglie, ma c'è ancora molto da fare. La bacchetta magica non esiste ma è necessaria volontà politica, impegno del governo nazionale e di quello regionale per stabilire priorità". E la sicurezza e la salute lo sono. "La missione politica è quella di liberare le persone dal bisogno, spesso invece assistiamo al contrario, specie nel Mezzogiorno: tenerle legate per un riscontro elettorale", evidenzia la parlamentare Fdi. "Ci sono situazioni in Calabria in cui lo Stato sembra assente, penso per esempio alle infrastrutture assenti, a linee ferroviarie da terzo millennio, ai tanti aeroporti ma pochi aerei, i cui voli hanno costi altissimi. Siamo fermi al dopoguerra, basterebbe poco. Risorse in primis per cambiare davvero", conclude Ferro.