Cosenza
 

Cosenza, Covelli (Pd): "Soppalco piazza Bilotti abusivo, non possiamo permettere violazione legge"

"Quel soppalco in acciaio, realizzato nei piani interrati di piazza Bilotti, è abusivo.

Ora non ci sono dubbi: le violazioni sono state accertate dalla Polizia municipale del Comune di Cosenza che ha effettuato un sopralluogo dopo la forte denuncia da parte dei consiglieri comunali del PD. Il Genio Civile di Cosenza, a cui è stata trasmessa la pratica dei vigili urbani, ha preso atto delle violazioni riscontrate dagli uffici del Comune e ha inoltrato tutta la documentazione alla Procura della Repubblica di Cosenza per i reati penali e amministrativi. Il sindaco Mario Occhiuto adesso intervenga subito sulla questione per verificare se sono presenti anche altri tipi di abusi".
Lo sostiene Damiano Covelli, Capogruppo Pd Comune di Cosenza.

"Già a fine dicembre, dopo la richiesta del consigliere Carlo Guccione di un immediato sopralluogo e verifica delle opere abusive edilizie all'interno dei locali dove era prevista l'apertura di un noto fast food, inviai una interrogazione al primo cittadino di Palazzo dei Bruzi per sapere quali provvedimenti erano stati assunti dagli uffici tecnici e dalla polizia municipale e per accertare eventuali opere abusive presso i locali sottostanti piazza Bilotti. Nella stessa interrogazione chiedevo quali provvedimenti fossero stati assunti contro gli eventuali reati di abuso e se fossero stati notificati alla Bilotti parking i provvedimenti di competenza.

A queste domande il Sindaco non ha mai risposto ma oggi arriva la conferma che quelle opere abusive potrebbero rappresentare un pericolo per la pubblica incolumità. La Regione Calabria ha infatti confermato che la società "Bilotti Parking srl", nell'area ristoro del centro culturale di Piazza Bilotti del Comune di Cosenza, ha realizzato il soppalco in acciaio in difformità e in assenza dei prescritti titoli abilitativi. Ancora una volta l'amministrazione comunale non ha vigilato sull'iter amministrativo e normativo, mettendo a rischio la sicurezza dei cittadini. Il sindaco verifichi se c'è stata una mancata vigilanza da parte degli uffici comunali competenti e faccia chiarezza su eventuali nuovi abusi a cominciare, ad esempio, dall'ubicazione della cappa fumaria delle cucine che potrebbero provocare, se non dovessero essere a norma, danni ambientali dovuti all'inquinamento. Si proceda alla demolizione delle opere eseguite in contrasto alla normativa al fine del ripristino della legalità violata. Legalità violata ancora una volta e senza scrupoli.

Non possiamo consentire che si agisca in maniera fraudolenta e che l'amministrazione comunale, facendo finta di nulla, possa permettere che in questa città gli amici degli amici possano violare leggi e regole che invece tutti hanno il dovere di rispettare".