Cosenza
 

Sanità, Papa (Idm): "Si faccia giustizia"

"Nella Sanità Calabrese ci sono norme del tutto disattese come ad esempio il Decreto del Commissario ad Acta n. 86 del 2016, ma i controlli se arrivano, arrivano sempre dopo, quando le vite sono distrutte e non è la prima volta, anzi l'ennesima.

Ed ecco che solo dopo la morte della giovane madre in seguito al parto, il Ministero invia i suoi ispettori, ma anche la Regione mobilita un proprio Team".
E' quanto scrive Raffaele Papa, Coordinatore IdM Provincia di Cosenza.

"Meglio tardi che mai, potremmo dire, e questo non deve riguardare solo un singolo presidio ma l'intera regione , perche tutti i cittadini calabresi ne hanno diritto.

Non vorremmo però che il tutto si risolva nella classica, ed anche già vista e ripetuta, bolla di sapone in attesa di piangere altre vittime.

La Sanità in Calabria è ormai ad un punto di non ritorno, o ci si decide di dare assistenza effettiva oppure si eliminino le tante trappole diffuse sul territorio regionale, ed è per questo che l e verifiche devono essere serie, autentiche, scrupolose ed anche spietate senza guardare in faccia alcuno come lo sono le cause che tolgono la vita e fatele pensando a voi stessi che potreste trovarvi al posto di tanti alti.

Oggi più di ieri nessuna polemica ne vendetta ma solo giustizia, si rende necessario controllare i controllori per non incappare ancora una volta nel vizio di sempre, quello di far cadere tutto nel dimenticatoio dopo appena qualche giorno il funerale delle povere vittime.

Ora basta, questa volta non deve essere così, bisognerà conoscere il nome di ogni verificatore affinchè si assuma fino in fondo ogni responsabilità in ragione della specifica missione e questo sia per l'ispezione ministeriale che regionale.

Qualche mese fa la Procura della Repubblica di Catanzaro ha archiviato l'esposto che insieme ad alcuni amici, avevamo presentato nei confronti dell'ex Commissario alla sanità Scura per le continue omissioni in tema di assistenza sanitaria.

Questa decisione ha sorpreso e non poco, mi auguro che ad oggi in considerazione dello stato di gravità della sanità in Calabria, anche la magistratura inizi a riscontrare colpe e responsabilità di chi gestisce la vita umana per co sono morti che possono essere considerati veri e propri omicidi.

La Sanità non può e non deve diventare la corsia principale per raggiungere un altro mondo, quello eterno, spezziamo la fatidica ed volte odiosa frase...avanti un altro".