Cosenza
 

Agguato a Cassano allo Ionio, vittima raggiunta da 4 colpi di kalashnikov

agguato cassanoHa tentato di sfuggire ai sicari ma non ha avuto scampo Francesco Elia, l'imprenditore agricolo quarantenne ucciso questa mattina in un agguato mafioso a Cassano allo Ionio. L'uomo è stato raggiunto da 4 colpi di kalashnikov, due dei quali lo hanno attinto alla testa, uno all'addome e un altro alla gamba destra. Contro l'operaio romeno che era con lui, di 40 anni, rimasto ferito gravemente, sono stati sparati un colpo al petto e, di striscio, un altro al braccio. In tutto, i due o più sicari che hanno portato a termine l'agguato hanno esploso una trentina di colpi.

Le indagini sull'omicidio di Elia, che aveva precedenti, sono condotte dai carabinieri della compagnia di Corigliano e coordinate dal sostituto procuratore della Repubblica di Castrovillari, Valentina Draetta.

Al momento dell'agguato, secondo quanto ricostruito, Elia era alla guida di una Fiat Panda di colore bianco, al suo fianco il quarantenne, quando a un certo punto la vettura su cui viaggiavano i sicari, un'Alfa 147, avrebbe tagliato la strada all'utilitaria, bloccandola. Gli esecutori hanno iniziato a sparare contro la vittima che ha tentato invano di sfuggire all'agguato. Il corpo di Elia è' stato trovato, infatti, dietro la Panda. La 147 usata dai killer è stata ritrovata carbonizzata a pochi chilometri dal luogo dell'agguato.

La salma di Francesco Elia è stata trasportata nell'obitorio del cimitero di Cassano in attesa che la Procura della Repubblica del Tribunale di Castrovillari disponga l'esame autoptico.

Foto Ansa