Cosenza
 

Crisi dei rifiuti, Campana comune virtuoso

"Come Amministrazione non possiamo che essere fieri del nostro operato, dopo 5 anni di governo non abbiamo il minimo debito con la Regione pur avendo la pressione fiscale più bassa d'Italia per quanto concerne le aliquote stabilite dall'ente comunale".

Non può che esprimere soddisfazione il sindaco di Campana Agostino Chiarello, che cifre alla mano si trova a guidare uno dei pochi comuni a vantare migliaia di euro di crediti dalla Regione Calabria per quel che riguarda il conferimento dei rifiuti. Ed in un periodo come questo in cui l'ATO è in crisi e travolta dalle dimissioni della presidenza, con i fondi destinati alla raccolta che pare siano stati spesi diversamente dal comune di Cosenza, e l'ARO che sembra sul punto di sfaldarsi dopo che i sindaci del basso jonio cosentino si sono riuniti in presidio permanente, i disagi legati allo stop della raccolta si ripercuotono anche su chi ha gestito in maniera virtuosa il comparto.

"Capiamo il giusto disagio degli operatori delle discariche, che sono senza stipendio da mesi – ha concluso Chiarello – e dal canto nostro insieme ai tecnici comunali abbiamo fatto il possibile affinché i soldi destinati al comparto arrivassero puntualmente. Ci auguriamo che la situazione possa risolversi nel più breve tempo possibile, non è umano vivere con cumuli di immondizia nelle strade durante una pandemia e nel pieno della stagione estiva. E soprattutto non è giusto che cittadini virtuosi come quelli di Campana si trovino a subire disagi causati dall'incuria di altri. Dal canto mio continuerò a portare le istanze di Campana e dell'intero territorio in ogni sede, come ho fatto per tutti questi 5 anni, e a cercare soluzioni che possano essere finalmente definitive e non temporanee come al solito, promuovendo anche nuove forme di collaborazione con gli altri enti comunali".