Fronte del Palco
 

Reggio Calabria

Musica, "Cercando me": presentato a Siderno (RC) il primo album di Ilenia Mazzà

Un padrino d'eccezione come Mimmo Cavallaro per la presentazione del suo primo album, "Cercando me", e un piazzamento d'onore al concorso New Generation di Pozzuoli: Ilenia Mazzà conquista pubblico e giurati con la sua voce e un progetto musicale fresco e accattivante. Nella sala gremita della libreria Calliope Mondadori di Siderno, venerdì 15 giugno, Ilenia ha presentato il suo primo album, prodotto dal musicista Ivan Ritrovato nello Shadostudiorecord. Sei brani inediti, scritti dalla stessa Ilenia per raccontare sentimenti ed emozioni dell'universo adolescenziale, molto apprezzati dal Maestro Mimmo Cavallaro che si è detto felice di sostenere artisti in ascesa e, in particolare, Ilenia che studia sin da piccolissima e, giorno dopo giorno, dà forza al suo sogno. Il videoclip di "Cercando me" (visibile sul canale Youtube di Ilenia), girato a San Fili, Palazzo Amaduri di Gioiosa Ionica e la scogliera di Africo, realizzato da Aldo Albanese, traina il progetto musicale, denso di sentimenti, della giovanissima artista di Caulonia. Presente all'anteprima il vicesindaco di Caulonia Domenico Campisi.

A Pozzuoli, tappa finale del concorso New Generation, Ilenia ha cantato "Io non ho paura", inedito che fa parte dell'ep "Cercando me". Grazie all'apprezzamento di una prestigiosa giuria che ha visto come presidente il Maestro Angelo Valsiglio (consigliere di Castrocaro, ha lanciato Laura Pausini, Ivana Spagna e altre stelle della musica italiana), Ilenia ha portato a casa un secondo premio che le darà la possibilità di iniziare una collaborazione con la Big Stone, etichetta discografica di Massimo Curzio, con cui collabora anche il Maestro Valsiglio.

Il disco (acquistabile alla Mondadori di Siderno e su tutte le piattaforme online) è frutto di un impegnativo lavoro durato circa un anno, con il compagno di viaggio Ivan Ritrovato, che ha saputo cogliere le emozioni nascoste di Ilenia e metterle in musica. «Ivan» dice Ilenia «ha saputo comprendere anche i miei pensieri più nascosti, ha capito quali fossero i miei gusti musicali e ciò che volevo nascesse dal nostro lavoro. Sono davvero emozionata e quasi incredula, perché desideravo moltissimo realizzare un disco tutto mio, mi sembra un sogno. Spero di emozionarvi quando lo ascolterete; i testi che ho scritto raccontano di me, della parte visibile e di quella più nascosta». E conclude: «È stato bellissimo vedere la sala gremita di amici e persone che mi seguono e con le quali ho potuto condividere un momento davvero importante. Sono grata a tutti loro». Tra le canzoni dell'album, citiamo inoltre "Silenzi e parole" e "Adelhaina", dedicata a una ragazza venuta dal mare e alla sua storia difficile. Il progetto fotografico è di Claudio Franco. Link: https://www.youtube.com/watch?v=9jKTC5XgjHQ

Ilenia Mazzà, tra gli altri, è stata premiata al "Malta International Singer's Festival-Euro Stars" nel 2015 ed è stata semifinalista al concorso "Una voce per Sanremo" nel 2016. Due i talent televisivi che l'hanno vista tra i protagonisti sempre nel 2015: "Tra sogno e realtà", sulle reti Mediaset, e "Italia in Musica" su Gold Tv. Ilenia ha conquistato con la sua performance il pubblico del Concorso "Voci d'Oro", tenutosi a Montecatini Terme nel luglio 2017, è stata ospite d'onore al Pericle d'Oro e finalista al Cantagiro 2017. Con il singolo "Senza confine" di Guido Tassone, sempre nel 2017, Ilenia ha vinto la sezione inediti del concorso "Una voce per lo Jonio", ricevendo poi a Verona la menzione d'onore del Maestro Vince Tempera, e si è esibita, a febbraio 2018, a Casa Sanremo.

Musica, a Gioia Tauro la presentazione del nuovo singolo di Chiara e Martina Scarpari

Si è svolta venerdì 15 giugno, nei locali della "Music School di Christian Cosentino", a Gioia Tauro, la conferenza stampa di presentazione del nuovo singolo delle gemelle Chiara e Martina Scarpari.
Si intitola "Selfie" ed è il quarto inedito scritto dalle giovani cantanti calabresi che, nella stesura del testo e degli arrangiamenti, sono state affiancate da autorevoli firme della discografia nazionale.
Selfie, infatti, è un frutto di un lavoro collettivo, un brano scritto a più mani da Chiara e Martina e da Vincenzo Tempera, Paolo Agosta e Lenny De Luca. Tempera è noto per la sua lunga carriera da musicista, arrangiatore e produttore che lo ha visto, più volte, protagonista al Festival di Sanremo. Paolo Agosta è un cantautore che vanta già diverse collaborazioni con artisti del calibro di Vasco Rossi. Mentre Lenny De Luca è un pianista jazz famoso anche per la sua attività di direttore artistico che lo ha portato alla ribalta accanto a big della musica italiana come Morgan, Tricarico ed Eros Ramazzotti.
Alla presentazione, oltre alle giovani artiste, hanno partecipato anche il M° Christian Cosentino (vocal coach) e il direttore artistico Natale Princi. Cosentino – in particolare – ha parlato di alcuni aspetti particolari del brano e del lavoro di registrazione e missaggio fatto negli studi della Bunker Home Studio di Milano. Inoltre è intervenuto in diretta telefonica anche il M° Vince Tempera che ha svelato anche qualche dettaglio sui programmi futuri della coppia calabrese.
Contestualmente al brano è stato presentato anche il videoclip di "Selfie", un video divertente e movimentato realizzato dalla APP Media Group per la regia del cubano Mario Leclere.
Tra le principali novità di Selfie è importante sottolineare che l'etichetta discografica "Universal Music Group" ha acquisito i diritti di "Selfie" e si occuperà – come confermato da Tempera – della distribuzione del brano che, dalle prossime settimane, sarà disponibile per l'acquisto sui principali store digitali e sulle principali piattaforme di streaming online.
«Si tratta di un risultato importante – ha commentato Cosentino – Universal è una delle tre major della discografia nazionale e il fatto che abbiano scelto di distribuire il nostro brano è per noi una conferma del buon lavoro che stiamo facendo insieme a Chiara e Martina».

«Dobbiamo ringraziare tante persone – ha detto Chiara Scarpari – in tanti si sono impegnati per portare alla luce a questo brano. Lavoriamo a questo progetto dal 2015 e sono passati due anni da quando lo abbiamo inciso per la prima volta, speriamo che il pubblico possa apprezzare questo lavoro».
«Selfie – ha continuato la gemella Martina – è un brano energico e movimentato, sarà bello eseguirlo dal vivo ai nostri concerti. Questa canzone rappresenta una sintesi di quello che è stato il nostro percorso artistico finora, in futuro invece ci piacerebbe provare a sperimentare generi e soggetti diversi, più impegnati».
Le gemelle hanno concluso dando appuntamento a tutti i fan per il prossimo tour, che debutterà a Reggio Calabria il prossimo 21 giugno e che avrà proprio "Selfie" tra le tante novità.

Reggio, l'Università Mediterranea celebra la Festa della Musica

Il 21 giugno 2018 l'Università degli Studi Mediterranea di Reggio Calabria organizza, con il patrocinio e la collaborazione del Comune di Reggio Calabria, la Festa della Musica.

Nata in Francia nel 1982, la Festa si svolge tutti gli anni il 21 giugno (giorno del solstizio d'estate) in molte città europee, con l'intento di favorire la conoscenza, l'incontro e lo scambio fra i musicisti. Fra i suoi principi, quello di valorizzare tutte le espressioni musicali, di offrire concerti gratuiti per il pubblico e di svolgersi in luoghi pubblici (possibilmente all'aria aperta), in modo da favorire la socializzazione, l'incontro e la valorizzazione degli spazi urbani.

Dal 2002, in Italia hanno aderito alla Festa più di 280 città, dando vita a una rete estesa a tutto il territorio nazionale. Per il 2018, la Mediterranea di Reggio Calabria si è accreditata presso il MiBACT (Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo) e l'AIPFM (Associazione Italiana per la Festa della Musica) come Ente Organizzatore per la nostra città. L'idea è quello di organizzare l'evento in un luogo significativo del centro cittadino, in modo da poter coinvolgere un pubblico vasto e offrire un momento di confronto culturale, di crescita e di svago e promuovendo al contempo l'immagine di un Ateneo che sostiene la cultura e le attività musicali anche fuori dagli spazi della cittadella universitaria. Il luogo individuato è il tratto di Corso Garibaldi compreso fra Palazzo San Giorgio e il Teatro Cilea.

La direzione artistica dell'evento è stata curata da Daniele Colistra, delegato alle attività musicali di Ateneo. La scenografia è stata ideata da Luciano Zingali. Il coordinamento delle attività è di Letizia Casile.

Il programma della manifestazione è il seguente:
19.00: Orchestra Jazz-Fusion Università Mediterranea
19.45: Coro Polifonico Università Mediterranea
20.30: Pull (Reggio Calabria)
21.15: Archinuè (Catania)
22.15: Glorius Vocal Quartet (Messina)
23.00: Mattanza (Reggio Calabria).
I cambi palco saranno animati da intermezzi e apparizioni di Pasquale Caprì
Ulteriori informazioni sull'evento nazionale: http://www.festadellamusica.beniculturali.it/index.php/it/

Gli Artisti

Orchestra Jazz-Fusion Università Mediterranea

Nata nell'autunno 2017, l'Orchestra nasce con l'obiettivo di mettere assieme le esperienze di professionisti e appassionati, appartenenti alla comunità accademica ed esterni ad essa, che condividono l'interesse per la musica contemporanea e per l'improvvisazione. Diretta dal M° Vincenzo Baldessarro, docente di Contrabbasso presso il Conservatorio di Cosenza, è composta da trenta elementi e nei pochi mesi di vita ha già tenuto diversi concerti. Il repertorio spazia dagli standard della tradizione jazz (Gershwin, Parker, Davis, Rollins, Ellington) a composizioni originali di Vincenzo Baldessarro, tutte appositamente arrangiate per l'Orchestra.
Coro Polifonico Università Mediterranea

Il Coro Polifonico dell'Università degli Studi Mediterranea di Reggio Calabria, nato ad ottobre 2013, è composto oggi da circa 50 elementi appartenenti alle diverse componenti della comunità universitaria, uniti dalla comune passione per la musica e dalla volontà di condividere allegri momenti di incontro intergenerazionale e di crescita culturale.
Il Coro si esibisce in occasione di eventi istituzionali organizzati dall'Ateneo e su invito di altre istituzioni cittadine, con un repertorio che spazia dalla musica polifonica classica alla musica moderna e popolare.
Dal 2013 si esibisce durante il tradizionale Concerto di Natale, organizzato nel teatro cittadino "Francesco Cilea".
Nel 2014 e nel 2015 si è esibito, insieme al Coro Polifonico Università della Calabria, in due eventi organizzati dagli Atenei Calabresi, rispettivamente nel Teatro Auditorium dell'Università della Calabria e nell'Atelier di Architettura dell'Università Mediterranea.
Dal 2014 partecipa alle Rassegne di Cori e Orchestre Universitari organizzate dagli Atenei italiani: le edizioni 2015 e 2016 di "UNInCANTO" dell'Università di Urbino, il "1° Simposio Internazionale University Choirs and Orchestras" dell'Università di Bolzano e Bressanone nel 2015, il "1° Festival pisano dei cori e delle orchestre delle Università" nel 2016 a Pisa.
Dalla sua costituzione il Coro è diretto dal M° Carmen Cantarella.
http://www.coropolifonico.unirc.it/

Pull

I Pull sono una band di Reggio Calabria composta da Andrea Cosentino (voce e basso), Amedeo Lasco (chitarra) e Francesco Maria Parisi (batteria). La loro musica è una fresca ed energica miscela degli stilemi del pop-rock britannico delle migliori annate(dagli anni '70 ai '90), con melodie accattivanti cantate in inglese che catturano al primo ascolto. La musica dei PULL rimanda agli anni d'oro del pop britannico ma con un'attualità e una freschezza decisamente contemporanee. Più che ventennale è l'esperienza dei 3 musicisti, che scelgono forse non a caso questo momento storico per dar vita a una musica che si esprime al meglio nelle performance dal vivo. Nel dicembre 2016, ad un anno dalla formazione, il trio pubblica il singolo Recognize me, che dà il titolo all'omonimo EP.
Archinué

"Archinué" è una parola del siciliano antico (letteralmente "Arco di Noè") che indica l'arcobaleno. Propongono una miscela musicale che unisce i suoni tradizionali e popolari dell'area mediterranea con una base folk-cantautorale. Testi originali e ispirati o tratti da opere di autori come Sciascia e Cervantes.
Vincitori di Sanremo Giovani (novembre 2001) con "Lo Sfratto di Tarzan"; Premio della Critica e Premio "Sala stampa Radio TV" con il brano "La Marcia dei Santi" (2002) al Festival di Sanremo 2002; Il primo lavoro discografico, un cd dal titolo "Oltremare" raccoglie, insieme alla scanzonata "La Marcia dei Santi", quattordici brani, frutto di dieci anni di esperienze, di emozioni, di sogni, di incontri fatti durante la lunga ma piacevole gavetta (distribuzione: Sony Music).
La naturale "escalation", che ha visto Archinué protagonista di manifestazioni e programmi televisivi quali Sanremo Famosi, Sanremo Giovani, Festival di Sanremo, Domenica In, Sanremo Top, I Fatti Vostri, Un Disco per l'Estate nella sezione Big e tournee estive a fianco di musicisti come Biagio Antonacci e Bill Wyman (tour 2002) fino alle ultime collaborazioni con il grande Solomon Burke (in Sognando Las Vegas), ha portato al gruppo molteplici riconoscimenti da parte degli addetti ai lavori e del grande pubblico.
Nel 2006 esce sui network nazionali il nuovo singolo discografico "RADIOFONICO", cantata con Nino Frassica.
A marzo del 2009 esce il nuovo album firmato Archinué' "L'Uscita dell'Uomo dalla Tangenziale" (11 tracce), che vede la collaborazione di Nino Frassica e Naike Rivelli, e contemporaneamente partecipa alla X° edizione del Festival della canzone Siciliana nel cui ambito viene assegnato il Premio della critica per il miglior testo con il brano "Dulcinea" ispirato al Don Chisciotte di Cervantes.
Ad agosto 2014 esce sui network nazionali l'EP "Tutto l'Oro del Mondo" un cd contenente due inediti, il brano omonimo e la ballata "Semmai Sarà".
Ad aprile 2016 esce il nuovo CD "Biancaneve non vuole svegliarsi".
Ad agosto 2017 viene pubblicato il video di un nuovo brano inedito, "Corteo", che anticipa il nuovo disco.
Ad aprile 2018 il brano "Sono un supereroe", colonna sonora del film corto omonimo, vince il Premio Speciale Catania Film Fest Gold Elaphant World come migliore colonna sonora.
Archinué vanta, oltre che la sempre presente figura dell'eclettico cantante Francesco Sciacca che è anche autore e compositore, anche collaborazioni con altri musicisti ed artisti.
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.
www.myspace.com/archinue
www.archinue.com
https://www.facebook.com/pages/Archinu%C3%A9/439253016162567?ref=hl
https://www.youtube.com/channel/UCUX1KTSVfuirHZCooOur_Bw
Glorius Vocal Quartet

Inconsueto ensemble al femminile che spazia dal jazz al pop, con la cura delle sonorità vocali e degli arrangiamenti arricchite dalla loro eclettica sicilianità
Vincitrici del Premio d'Onore al Concours International Léopold Bellan/categoria Gruppi vocali.
Coriste di Alessandro Mannarino nel brano Arca di Noè dall'album Apriti cielo pubblicato a gennaio 2017 (produzione artistica Tony Canto per Universal music).
Coriste del tributo a Modugno con Antonella Ruggiero e l'orchestra da camera Sinfonietta, diretto dal M° Domenico Riina.
Supporters di Paolo Belli & Big Band nella tappa di Brattirò (VV), sono il coro di Look over, singolo della poliedrica musicista Maria Fausta Rizzo contenuto in Million faces.
Coriste dello spettacolo di Enrico Montesano "Omaggio a Trovaioli", con l'orchestra del Teatro Vittorio Emanuele, diretto dal M° Roberto Molinelli, per la stagione 2015/'16 dell' E.A.R. di Messina e del Teatro Politeama di Catanzaro.
Le Glorius nel 2016 si classificano finaliste al Festival internazionale Solevoci di Varese e ai quarti di finale (su 1800 partecipanti) al TIM Torneo Internazionale di Musica tenutosi al Conservatorio di Torino.
Si classificano al II posto alla Manifestazione Lucca Jazz Donna 2014.
Partecipano a varie manifestazioni in Italia, tra le altre: gli eventi del circuito Teatro Pubblico Pugliese; il Villaggio Intercultura Palermo 2017; il Glorius Secret show con Aldo Perris (Direttore musicale RAI) special guest al basso e nel 2016 a Primavera dei Teatri il Festival dei nuovi linguaggi della scena Contemporanea. Applauditissime al concerto del Progetto MORE 2014 di Scena Verticale presso il Teatro Morelli di Cosenza, al Feltrinelli point di Messina, alla Rassegna OFFinJazz Messina 2013 e all'annuale appuntamento presso l'Associazione Il Giardino delle idee (PA). Nel dicembre 2013 sono state scelte dal M° Giovanni Mazzarino come gruppo supporter per il concerto della star mondiale del Gospel Bridgette Campbell nel suo Gospel Spirit of Christmas.
Il loro voice-playing si sviluppa grazie agli studi con i M°: Rosalba Bentivoglio, Clare Wheeler (Swingle singers), Maria Pia De Vito, Paola Folli; Mark Murphy per lo Scat; Ciro Caravano (Neri per caso) per l'a cappella; Francesco Pisano per l'armonia jazz; Massimo Moriconi per la musica d'insieme; Ciro Paduano e Giorgio Rizzo per la Body Percussion.
Il quartetto è composto da:
Agnese Carrubba, voce/pianoforte/percussioni
Cecilia Foti, voce
Federica D'Andrea, voce
Mariachiara Millimaggi voce/pianoforte/percussioni
https://www.youtube.com/watch?v=aZxS3HJJDAQ
https://www.youtube.com/watch?v=fTkr7Q_cg84

Mattanza

L'unico gruppo che vive a cavallo dello Stretto di Messina, l'unico gruppo che canta in dialetto calabrese e siciliano ma parla tutte le lingue del mondo. Un collettivo di sette artisti che ha realizzato l'unico Ponte possibile fra le due sponde, quello musicale; ma ha anche realizzato 5 dischi e tournée in tutta Europa con il proprio suono ricco di strumenti tradizionali e modernità mediterranea.
I Mattanza sono:
Emiliano Laganà, batteria, marimba, percussioni
Gino Mattiani, tastiera, fisarmonica, fiati, voce
Giacomo Farina, percussioni e rumori
Rosamaria Scopelliti, voce e percussioni
Fabio Moragas, chitarra battente, mandola, voce
Roberto Aricò, basso e contrabbasso elettrico
Mario Lo Cascio, chitarra, lira calabrese, voce
http://www.mattanza.org/

Pasquale Caprì

Showman a 360 gradi, Pasquale Caprì è il simbolo della comicità e dell'entertainment reggini. Le sue imitazioni di personaggi locali e nazionali, reali e inventati, spopolano sui social con milioni di visualizzazioni. Quello più richiesto è sicuramente Sandrino, personaggio che rappresenta lo stereotipo del reggino medio. Altri personaggi: Mimmo Praticò, il dott. Lamberti, il sig. Putortì e Giuseppe Falcomatà.

Reggio, il 16 giugno al Rhegium Julii concerto per ricordare la pianista Caterina Figliolia

Sabato 16 giugno, alle ore 17.30, presso la Sede sociale del Rhegium Julii, si terrà un concerto- evento per ricordare un'artista reggina molto apprezzata dal popolo dei musicologi: la pianista Caterina Figliolia.

La serata vedrà protagoniste le LADIESIS VOCAL GROUP, al tempo Federika Gallo (soprano), Gabriella Grassi (mezzosoprano), Katia Fassari (soprano) con la collaborazione di Mimmo Malara(tenore) e Demetrio Marino (baritono).

Il Gruppo vocale, accompagnato al pianoforte dalla pianista Loredana Anghelone, si esibirà su un programma dal titolo: Il bel canto italiano...Rossini nel 150° anno dalla morte.

La serata sarà preceduta dai saluti del Presidente del Circolo Pino Bova, da un ricordo della Figliolia svolto a cura del Direttore del Conservatorio "Francesco Cilea" Mariella Grande e dalla firma di una atto di donazione al Circolo del pianoforte Chappel di proprietà della famiglia dell'artista a cura del marito Nicola Benedetto.

Nell'occasione il presidente del Rhegium Julii Pino Bova applicherà sullo strumento una targa ricordo dell'artista e firmerà per accettazione il dono così prezioso.

Il Conservatorio "Francesco Cilea" e l'Archivio di Stato di Reggio Calabria celebrano la Festa della musica

Il Conservatorio Francesco Cilea e l'Archivio di Stato di Reggio Calabria danno appuntamento giovedì 21 giugno 2018 alle ore 11,00 per celebrare la Festa della Musica, promossa dal Mibact. L'evento "Parole e musica. Aperitivo musicale sulle note del '68" si svolgerà nella Sala Conferenze dell'Archivio di Stato, e sarà dedicato soprattutto ai giovani, al loro talento straordinario e alla loro creatività.

Le note musicali del 1968 riecheggeranno nel concerto curato dagli studenti del Conservatorio di musica F. Cilea di Reggio Calabria, Matteo Argirò, chitarra, e Angelo Parisi, baritono, che eseguiranno brani di Roland Dyens, Asor Piazzolla, Jimi Hendrix, Janis Joplin e Beatles. Sarà possibile visitare la mostra documentaria "Note del '68", che rievoca gli eventi salienti che si sono svolti in quel mitico anno nel panorama internazionale, nazionale e locale. Saranno inoltre illustrati i siti istituzionali del MiBact sulla storia, le fonti e le tradizioni della musica italiana: http://www.canzoneitaliana.it/ e Il Portale "Archivi della musica", che offre un accesso alle fonti musicali inserite nel loro contesto storico, approfondisce aspetti specifici e sottolinea il ruolo dei protagonisti, ne ricostruisce i tratti biografici e artistici anche attraverso il corredo iconografico e sonoro.

Alla realizzazione dell'evento hanno collaborato i tirocinanti che svolgono attività di formazione presso l'Archivio di Stato.

A Reggio Calabria e Casignana arriva lo spettacolo "Felici Matrimoni"

Sabato 16 giugno al Parco Ecolandia di Reggio Calabria e domenica 17 nel Borgo Antico di Casignana nel circuito DITECA Sud sarà di scena "Felici Matrimoni", lo spettacolo allestito dalla Compagnia Teatro Rossosimona per la regia di Lindo Nudo. Lo spettacolo fa parte della programmazione di Diteca Sud, il circuito gestito e organizzato, nella provincia di Reggio Calabria, dalla Compagnia Officine Jonike delle Arti diretta da Maria Milasi.

La Direzione Artistica del progetto è di Dante de Rose e Marco Silani.

Regia di Lindo Nudo, Con Francesco Aiello e Paolo Mauro. Scenografia Angelo Gallo
Costumi Maria Concetta Riso – Rita Zangari
Assistente alla regia Noemi Caruso
Elaborazione SUoni Alessandro Rizzo
Consolle Jacopo Caruso

Una pièce composta da tre atti unici nella quale s'ironizza sull'istituzione più consolidata, analizzando gli entusiasmi e le emozioni del fatidico "si" e le disillusioni che subentrano a causa di eventi imprevedibili e anni di forzata convivenza.
E dopo il fatidico si ,lo scambio delle fedi, la commozione di parenti e amici, gli estenuanti festeggiamenti, le foto, le bomboniere, nella giornata più importante della loro vita, una giovane coppia di sposi, finalmente soli, come tradizione vuole, con lei in braccio a lui, fanno ingresso in scena, pardon, nel loro nido d'amore, dove consumeranno la loro prima notte di nozze.

La moglie, l'amante e il marito : un appassionato triangolo che vedrà soccombere uno di loro in un frenetico e giocoso scambio di ruoli.
La coppia consumata dagli anni di convivenza vive il dramma , cinico e ironico, della malattia di uno dei due coniugi. Il marito, assiste la moglie, gravemente ammalata, al suo capezzale, per accompagnarla, quanto più velocemente possibile, ad altra vita.
Una coppia di attori, divertenti, istrionici, si cimenta e si alterna, nel gioco del travestimento al femminile, tanto sfruttato in ambito cinematografico, con risultati esilaranti, in una commedia leggera e frizzante.

Il 21 giugno due concerti del conservatorio “Cilea” a Reggio Calabria nel giorno della Festa della musica

Giovedì 21 giugno alle ore 16.30, presso il salone dell'Università della Terza Età (via Willermin, 12), si svolgerà il concerto-saggio di studio delle classi di musica jazz e alle ore 18.30, presso la Sala Boccioni di Palazzo C. Alvaro (piazza Italia), avrà luogo il recital di pianoforte del Prof. Andrea Francesco Calabrese per la 28a Stagione concertistica del Conservatorio "Cilea". L'ingresso è libero.

I due appuntamenti saranno preceduti alle ore 11 da un "aperitivo musicale" presso la Sala Conferenze dell'Archivio di Stato (via Lia Casalotto) nell'ambito della Mostra documentaria "Note del '68", con l'esibizione degli studenti Angelo Parisi (baritono) e Matteo Argirò (chitarra).

Gli eventi coincidono con la "Festa della Musica", che ricorre ogni primo giorno d'estate secondo una tradizione iniziata 36 anni fa in Francia e rapidamente internazionalizzata. Attualmente è celebrata in più di 120 Paesi. In Italia è coordinata dal MiBACT con una serie di manifestazioni in molte città, raccogliendo le adesioni di artisti, associazioni, enti, scuole (a Reggio Calabria, i festeggiamenti programmati a livello nazionale in vari luoghi del centro storico inizieranno nel pomeriggio e proseguiranno fino alla mezzanotte).

Lo spirito originario della Festa contempla che ogni evento sia gratuito, aperto a tutti e a tutta la musica, senza priorità di generi e prassi. Il successo della partecipazione, la diversità delle manifestazioni e la diffusione mondiale hanno reso necessario un coordinamento, ma la "Festa della Musica" ha un carattere soprattutto spontaneo. È in quest'ottica che il Conservatorio "Cilea" dedica a tale ricorrenza due concerti di generi diversi, musica jazz e classica, entrambi ricompresi nella propria offerta formativa.

Reggio, integrazione e inclusione: successo per lo spettacolo “Noi...Pinocchio” della Cooperativa “Libero Nocera”

Presso il teatro "Zanotti Bianco" di Reggio Calabria, la Cooperativa "Libero Nocera", con i suoi centri "Girasole", "Vallone Petrara" e "Solaris" ha dato vita allo spettacolo chiamato "Noi...Pinocchio".
Questa importante rappresentazione è nata dall'idea di favorire e promuovere l'integrazione e l'inclusione di persone che vivono disagi sociali, relativi allo status di appartenenza.

La regia e la messa in scena dello spettacolo, a cura di Elisabetta Zindato, hanno avuto un grande successo, a partire dalla sinergia e dall'entusiasmo dei soggetti coinvolti, sia dal punto di vista scenografico, che da quello realizzativo.
Gli utenti dei tre centri della Cooperativa hanno collaborato alla realizzazione del progetto. In particolare, i bambini del "Solaris" si sono occupati della realizzazione della scenografia, gli ospiti del "Vallone Petrara" hanno partecipato attivamente a tutto lo spettacolo come attori e coristi ed attraverso l'esecuzione di un cortometraggio, in cui si è raccontata la storia di Cappuccetto Rosso, con uno spettacolo di marionette.
Il centro "Girasole", invece, ha impegnato i bambini come attori e ballerini, nella rappresentazione della favola di Pinocchio.
Il "Noi" ritrae l'attenzione della struttura verso il mondo del sociale, attraverso l'unione, la sensibilità e la condivisione. L'attività svolta ha fatto sì che gli utenti, mettendosi in gioco, oltre che realizzare un'esperienza di vita e di crescita, fondamentale ai fini della maturazione ed educazione, abbiano anche ricevuto soddisfazione e gratificazione dopo il duro lavoro nei tantissimi mesi di prove, aumentando così la loro autostima e motivandosi ancor di più a vivere il loro cammino in Cooperativa, con entusiasmo e gioia, conditi da impegno e voglia di fare.

Musica: ecco "Fuego", prima Hit internazionale della Locride

Oltre 150 emittenti radio sparse tra Italia, Spagna e Germania trasmettono il brano "Fuego": realizzato da Bruno Panuzzo in cooperazione con gli studenti dei "Licei G. Mazzini" di Locri (RC).

La Locride annovera quindi la sua prima Hit internazionale. Il pezzo, dalle sonorità tipicamente estive, è ormai inserito stabilmente, e da circa un mese, nel palinsesto delle emittenti radio web (in prevalenza) e dalle emittenti radio Fm (in margine più ristretto). Le risonanze propriamente latine del brano, contaminate dal tipico sound del sud Italia, hanno sicuramente contribuito in gran parte a far ottenere al brano risultati lusinghieri. Grazie alla rete (vero punto di forza della promozione artistica di Panuzzo) ed all'ausilio di tecnologie informatiche si è riuscito a diffondere la musica su territori impensabili solo fino a pochi anni a dietro. "Credo sia una soddisfazione non solo mia o delle persone che hanno lavorato al progetto, ma una nota positiva per tutto il territorio locrideo." Ha commentato l'artista "Le bellezze della nostra terra hanno il dovere di emergere e di sostituirsi a quanto di negativo è stato posto in luce sino ad ora... Con tale concetto, non mi riferisco alla mia musica (non sono così megalomane), ma semplicemente all'autenticità di ciò che in Calabria è positivo e di grande spessore." Il progetto "Istanti" (video album da cui il brano Fuego è tratto) diviene un fattore che lega maggiormente il binomio Bruno Panuzzo - Calabria. Le grandi città italiane hanno quindi avuto modo di ascoltare un prodotto nato dalla cooperazione di tanti giovani, che attraverso il loro impegno cercano di promuovere il cambiamento. Il brano "Fuego" viene trasmesso dalle emittenti radio spagnole (legate al circuito sopra espresso) in città come: Madrid, Barcellona, Valencia, Murcia, Málaga, Bilbao, Saragozza e Andorra. Analogo discorso si presenta per la diffusione del brano in Germania. La canzone viene trasmessa dalle emittenti radio di Berlino, Hannover, Dresda, Lipsia, Amburgo, Wolfburg e Brema. Attraverso tale progetto emergono ancora una volta l'inventiva ed il potere vocale di Panuzzo nonché la sintesi del "miracolo artistico" in riferimento al percorso, che il cantautore ha saputo compiere nell'ultimo quinquennio. Gli arrangiamenti del progetto, così come la produzione musicale, sono stati curati dal Produttore fiorentino Franco Poggiali per la neo etichetta Atlantis. Ba. Arrangiamenti e suoni che giungono quindi da lontano, ma che si fondono con i sentimenti e con le sonorità dei luoghi d'origine dell'artista. Altro spunto di originalità sono i due video clip dei rispettivi brani rilasciati, i quali, oltre ad essere contenuti nel medesimo supporto delle canzoni, hanno coinvolto tantissimi giovani ed il valido attore Giuseppe Piscioneri come protagonista. Panuzzo è ormai un personaggio che ha imparato ad evolversi: adattandosi ai tempi ed esprimendo la propria costante caratteristica di comunicazione attraverso la sua bella voce.

Reggio, al teatro “Cilea” lo spettacolo del laboratorio del liceo “A. Volta” dal titolo “Pene d’amor perdute”

Lunedì 4 giugno, al Teatro F. Cilea di Reggio Calabria, il Laboratorio teatrale del Liceo Volta ha messo in scena, per il 23° anno, uno spettacolo originale ed appassionante.

Convinti che l'esperienza teatrale sia altamente formativa e adatta a far esprimere potenzialità non sempre evidenti, i docenti del Liceo hanno sempre sostenuto e apprezzato il lavoro del laboratorio nell'ottica di una formazione completa ed inclusiva. Pertanto, anche lo spettacolo messo in scena alla conclusione di questo anno scolastico, ha suscitato grandi apprezzamenti e giudizi pienamente positivi.
La pièce, "Pene d'amor perdute", è stata ideata in collaborazione tra i docenti responsabili del laboratorio, Prof. Gabriella Cucinotta, Maria Cristina Meduri, Giuseppina Pontari e Pasquale Pizzimenti e gli alunni che hanno aderito al progetto. L'attività, partendo da due opere di Shakespeare, "Pene d'amor perdute" e "La bisbetica domata", studiate e rielaborate per creare un testo originale, ha condotto gli alunni a arrangiare le musiche, a creare le coreografie, a ideare la scenografia e i costumi. Il lavoro, iniziato nel mese di Ottobre, è proseguito per l'intero anno scolastico con la collaborazione, a partire dal mese di febbraio, di un'esperta di Musical Theatre, la dott.ssa Benedetta Marcianò Vazzana, il cui contributo si è rivelato prezioso per curare la tecnica vocale e coreografica degli studenti.
Certamente sul palco non sono emersi la fatica, i momenti di scoramento, le difficoltà incontrate durante tanti mesi e il pubblico ha potuto godere di uno spettacolo fresco ed emozionante. Le vite di quattro giovani studenti fuorisede si sono intrecciate a quelle di quattro ballerine che sognano il successo: il loro incontro – scontro sarebbe dovuto rimanere una delle occasioni che la vita ci offre durante il cammino, occasioni a cui spesso non si dà la giusta importanza. Invece, i nostri giovani protagonisti imparano che non si gioca con i sentimenti e che quando nasce un amore sincero, questo riempie la vita e fa crescere. La loro vicenda si sviluppa insieme a quelle di altri piccoli eroi della quotidianità: la giovane cameriera Giacomina che dimostra grande realismo e non si lascia incantare da false promesse, e, soprattutto, il sognatore Grullo che vorrebbe calcare i palcoscenici e che, alla fine, riesce a realizzare il suo sogno, rivelandosi attore capace di spaziare dal drammatico al comico al ballo.
La trama, semplice ma efficace, è arricchita da numerosi balli e canzoni che spaziano dal repertorio di Frank Sinatra a quello di George Gershwin, di Cole Porter, di Irving Berlin, di Jerome Kern, eseguiti con maestria e grande presenza scenica dai giovani attori. Attori, appunto. In realtà, non lo sono: sono tutti giovani studenti che hanno scoperto la magia del teatro, grazie ai loro docenti, e ne sono rimasti ammaliati. L'impressione che accompagna gli spettatori a conclusione dello spettacolo, è quella di aver assistito alla performance di un gruppo affiatato, capace di trasformare anche possibili punti di debolezza in elementi di forza. Tra le interpreti femminili, alcune ragazze sono di origine straniera: il loro accento, chiaramente diverso, è stato un arricchimento nella recitazione e non certo un limite. Tutti si sono mossi sul palco con sicurezza e perizia, pur non frequentando corsi di danza o di dizione.
Ecco, forse è proprio questo che colpisce il pubblico: la coralità con cui gli studenti recitano, il loro reciproco aiutarsi ed incoraggiarsi anche con lo sguardo, il loro desiderio di regalare una serata di serenità ad un pubblico di docenti, genitori, amici accorsi a sostenerli.
Giustamente il Dirigente Scolastico, la Prof.ssa Angela Maria Palazzolo, è orgogliosa di questi studenti, che hanno dimostrato le loro potenzialità al di là dei banchi di scuola e che hanno indotto ciascuno a riflettere sul proprio io e sul rapporto con l'altro, vivificando ancora una volta la funzione catartica del teatro.
Ultima nota, lo spettacolo ha ricevuto un importante riconoscimento istituzionale: la medaglia del Senato della Repubblica conferita per la partecipazione al Festival Teatro Scuola di Altomonte.

"Mer Rouge": premi e riconoscimenti all'opera di Gatto, ora sul web

"Mer rouge" di Alberto Gatto è ora sul web. Il pluripremiato cortometraggio sulle migrazioni di ieri e di oggi, dopo un lungo percorso di successo attraverso festival e proiezioni internazionali, è visibile sul canale Youtube di Bird Production. Protagonisti del film, Sherif Amadou e Nick Mancuso, noto attore italoamericano, che interpretano se stessi dando voce ai sentimenti di chi attraversa il mare in cerca di un futuro possibile.

Di recente, Alberto Gatto ha ricevuto, a Catania, il Premio Speciale Cinemigrare 2018 per «aver saputo veicolare la conoscenza del tema dell'immigrazione e dell'integrazione», come si legge nella motivazione.

«Il premio è stato una sorpresa – ci dice il regista di Gioiosa Ionica ⎼. A differenza di quanto avvenuto agli altri Festival, il corto non ha partecipato alle fasi di selezioni ma gli è stato assegnato il riconoscimento in maniera diretta. Una grandissima soddisfazione. "Cinemigrare" vuol dire anche movimento e "Mer Rouge" affronta appunto il tema del movimento degli esseri umani che, negli ultimi tempi, ha visto la nostra nazione meta di approdo alla ricerca di una nuova vita. Non possiamo dimenticare chi eravamo e chi siamo, specialmente oggi, in un momento di grande sconforto dopo la perdita per mano criminale del giovane malese Sacko Soumayla. Penso anche alle dichiarazioni semplicistiche del neo Ministro dell'Interno che scredita l'operato di un sindaco come Lucano. Penso quindi a quanto oggi, nonostante l'informazione globalizzata, sembriamo più ignoranti. E invece vorrei che tutti fossero in grado di dire "Sacko è vivo". I valori dell'ospitalità e dell'accoglienza che il mondo stesso ci ha riconosciuto e ci riconosce sono parte di un'identità che dobbiamo preservare, difendere e far valere, per Acquarius e per tutte le altre situazioni in cui "restare umani" è un dovere. Questi valori ci hanno proiettato nel mondo, anche grazie a milioni di persone che hanno ringraziato l'Italia dopo esser stati ospitati con calore, gentilezza, solidarietà».

"Mer Rouge", che racconta una storia antica e moderna di migrazione a cui tutti, in qualche modo, apparteniamo, è stato realizzato con il sostegno della Regione Calabria, del Comune di Gioiosa Ionica e di Re.Co.Sol. - Rete dei Comuni Solidali. Direttore della fotografia Frank Armocida, operatori di ripresa Frank Armocida, Aldo Albanese, post produzione audio Carlo Venezia, Voice Over Recordist Jeffery Magat Zona 10 Productions Marvanza studio recording, supporto tecnico e drone service Aldo Albanese, musiche originali Marvanza.

Il film è stato premiato in numerosi festival internazionali. Tra gli altri: miglior documentario a "Immagini a Confronto" di Villa San Giovanni (2016); best cinematografy dell'Eifa a Frank Armocida, finalista all'EuroAsia Short Film Festival, Washington DC (2016); Nick Mancuso miglior attore al Red Corner Festival di Borgholm (2017); miglior documentario al NYC Indie Film Awards di New York (2017); menzione speciale al Mindfield Film Festival di Los Angeles (2017).

Qui il link a Mer Rouge https://www.youtube.com/watch?v=igdvj5h9vPk

Palmi (RC): Giulia Zeetti, attrice del Teatro Stabile dell'Umbria, presenterà la Festa Europea della Musica

È stato presentato questa mattina in conferenza stampa a palazzo San Nicola, a Palmi, il programma della prima edizione della Festa Europea della Musica, evento che si svolgerà a Palmi al Teatro all'Aperto di località Motta il 21 Giugno prossimo, a partire dalle 19e30.

L'evento è promosso ed organizzato dalla Icarus Factory, casa di produzione indipendente, patrocinato da Mibact, S.I.A.E., A.I.P.F.M. e Comune di Palmi. La direzione artistica è affidata a Marco Suraci.

La sua rilevanza a livello nazionale ha fatto sì che la Festa Europea della Musica di Palmi venisse inserita nell'agenda degli eventi dell'Anno Europeo del Patrimonio 2018 voluto dalla Commissione e dal Parlamento Europeo, dal Consiglio dell'Unione Europea, Comitato Europeo delle Regioni e dal Comitato Economico e Sociale Europeo, e promosso dal Mibact. La musica fa parte del patrimonio intangibile di un popolo, di una cultura, un bene che va scoperto, divulgato e tutelato, e per questo motivo la manifestazione di Palmi, che ha come scopo quello di divulgare per far conoscere diversi generi musicali, è stato inserito in Agenda.

L'evento sarà presentato dall'attrice Giulia Zeetti; tanti gli ospiti della serata, a partire da Interiors e Gianfranco De Franco che porteranno una prima nazionale, Massimo Garritano, Caterina Riotto, i Trio's, Ilenia Surace Duo, Takabùm Street Band, e Dj Mbatò.

La PPM - Piana Palmi Multiservizi metterà a disposizione le navette per e dal Teatro, con partenza da Piazza Amendola alle 19 ed alle 19e15. Il costo dell'ingresso è di 7 euro ed i biglietti potranno essere acquistati al botteghino al Teatro, a partire dalle ore 16 del 21 Giugno.

L'evento è sponsorizzato da "be2be - Business Solution", Luigi Muratore dal 1935, Farmacia Galluzzo, Concessionaria Vadalà, In un Angolo di Mondo, Il Regalo e supportato dalla PPM - Piana Palmi Multiservizi, con una partecipazione del Comune di Palmi.

Alla conferenza stampa erano presenti gli assessori Raffaele Perelli (Assessore alla Cultura) e Wladimiro Maisano (Assessore alla Cultura), ed il direttore artistico della manifestazione Marco Suraci.

"L'estate palmese non poteva essere aperta da evento migliore - ha detto l'assessore Perelli - Dietro l'organizzazione di questa manifestazione c'è un gran lavoro di squadra che ha coinvolto il mio assessorato, quello dell'assessore Maisano e naturalmente il direttore artistico dell'evento, Marco Suraci, il quale lavora con passione e professionalità".

"La Festa Europea della Musica si inserisce a pieno titolo tra le manifestazioni che questa amministrazione ha sposato - ha aggiunto l'assessore Maisano - Abbiamo provveduto a risistemare e adeguare il Teatro all'Aperto, il luogo ideale per eventi come questo e mi auguro che in futuro la struttura possa essere sede di manifestazioni così importanti".

"Desidero ringraziare gli assessori Maisano e Perelli, nonché il sindaco e tutti coloro che hanno reso possibile l'organizzazione di questo importante evento - ha detto Marco Suraci, direttore artistico della Festa Europea della Musica 2018 - La serata sarà scandita da suoni di generi diversi, avremo anche una prima nazionale, quella degli Interiors vs Gianfranco De Franco, e delle voci di cantanti palmesi. Vi aspetto numerosi al Teatro".