Tallini è il nuovo presidente del Consiglio regionale

tallini presidente okMimmo Tallini è il nuovo presidente del Consiglio regionale della Calabria.

Il consigliere regionale di Forza Italia è stato eletto al terzo scrutinio dall'Assemblea calabrese, presieduta dal consigliere più anziano, Pippo Callipo.Le funzioni da segretario sono state svolte dai consiglieri più giovani, Luigi Tassone e Luigi Caputo.

20 i voti per Tallini, che è stato eletto con la maggioranza 'semplice' dei voti, dopo che non era riuscito ad ottenere i due terzi negli scrutini precedenti. Per Esposito 4 voti, 1 per Neri, 6 le schede bianche.

La terza votazione si è tenuta subito su proposta del consigliere regionale e assessore Gallo: ""Poiche' viviamo questa emergenza - ha motivato Gallo - sarebbe necessario evitare di aggiornare la seduta a domani,e fare in modo se siamo tutti d'accordo a proseguire oggi stesso con le altre votazioni".

Al primo scrutinio l'esponente azzurro ha ottenuto 18 voti (13 le schede bianche). Al secondo scrutinio le preferenze per Tallini erano state 17, 12 le schede bianche e un voto a testa per Neri e Santelli.

Trentuno i consiglieri regionali al voto, compresa la presidente Santelli.

L'assemblea si è aperta con la temporanea sostituzione del consigliere regionale Domenico Creazzo, in atto sospeso dalla carica, con il consigliere Raffaele Sainato.

Tallini è stato eletto nella Circoscrizione Centro nella lista di 'Forza Italia Berlusconi per Santelli' con 8.009 preferenze.
Alla quarta legislatura, in quella precedente è stato Segretario questore del Consiglio regionale e vicepresidente della IV Commissione consiliare 'Assetto, Utilizzazione del territorio e Protezione dell'ambiente'. Nella IX legislatura invece ha ricoperto l'incarico di Assessore al personale.
Ha contribuito alla realizzazione del gruppo consiliare 'Popolari Europei verso il Pdl'. Ha rivestito la carica di membro supplente della Commissione di disciplina del personale e quella di Presidente della Commissione speciale di vigilanza.
Nato a Catanzaro il 29 gennaio 1952, è sposato e ha due figli. Perito elettrotecnico ed elettronico, è dipendente Enel. Il suo impegno politico è cominciato nelle file della Giovane Italia. E' stato per circa 25 anni in Consiglio comunale di Catanzaro. E' entrato per la prima volta nel 1981 nelle liste del Msi e nel 1993 ha ricoperto l'incarico di assessore comunale allo Sport e agli Affari generali. Nel 1999 è stato anche assessore provinciale (Pubblica istruzione e Programmazione territoriale) e si è candidato alle regionali del 2000, nella lista di Fi. E' stato tra i fondatori di Calabria Libera, nel 1990 con Beniamino Donnici, e poi di Polo Civico (di area centrista) e nel 1994, del Movimento civico per il Sud.