Reggio Calabria
 

Benvenuti in ricicleria: partecipato incontro dell'associazione Cult3.0 con l'assessore Giovanni Muraca

Riscuotono sempre maggiore interesse le iniziative dell'associazione Cult3.0, che ha avviato le attività autunnali nella sede di via Glauco 15 a Reggio Calabria.
Grande partecipazione, infatti, all'appuntamento "Benvenuti in ricicleria sociale e solidale".
La riapertura dell'area del circolo culturale destinata a recuperare oggetti e dare nuova vita a vecchie cose, incoraggiando il riciclo ed il risparmio.
A fare gli onori di casa il portavoce dell'associazione, la giornalista Emilia Condarelli e il coordinatore di ReggioLab Giuseppe Pinto, che hanno illustrato, in presenza dell'assessore comunale ai Lavori pubblici e Aumento della raccolta differenziata Giovanni Muraca, lo stato di avanzamento dei progetti messi in campo dall'associazione. In particolare, si è parlato dell'Orto didattico urbano, per il recupero dello spazio pubblico in via Baracca, il cui percorso è moralmente patrocinato dall'assessorato retto da Muraca che sta seguendo le procedure per la realizzazione dell'intervento progettato e offerto dai volontari di Cult3.0.

Un'operazione di restyling, ma anche di recupero e riconversione creativa per la realizzazione di uno spazio verde attrezzato per i cittadini che, come annunciato da Giovanni Muraca, partirà entro un mese.
Quindi, sono state illustrate le attività di "ReggioLab - Sportello del cittadino" che, coordinato da Giuseppe Pinto, è un servizio di raccordo con gli amministratori per facilitare la partecipazione e la soluzione dei problemi che interessano la vita quotidiana dei quartieri.
In particolare, Pinto ha ricordato i numerosi interventi effettuati da ReggioLab, nel corso dell'ultima estate, per tematiche riguardanti acqua e spazzatura.
Argomento correlato che è stato discusso durante la riunione pubblica, la raccolta differenziata e la ripresa dei "Martedì Green": gli incontri tra cittadini ed amministratori per approfondire e ottimizzare il servizio.
Infine, è stata presentata la "Rete acquisti di Cult3.0", che promuove il lavoro, aggregando aziende del territorio, e favorisce il risparmio delle famiglie.
L'appuntamento si è concluso con la visita allo spazio espositivo "Pietre Cucite e Storie di Mare" che è la sintesi del progetto eco-ambientale di Cult3.0 per sensibilizzare al rispetto del mare e contribuire alla sua salute attraverso operazioni di pulizia delle spiagge e attività di laboratorio.
I volontari dell'associazione Cult3.0 recuperano gli scarti edili rilasciati abusivamente sulle coste e li trasformano in un viaggio artistico che racconta attraverso un percorso sognante a tratti ironico e perfino poetico, il mare e le sue storie, ma anche l'uomo e la vita con le sue contraddizioni.
L'esposizione, al momento, è visitabile tutti i martedì e mercoledì dalle ore 18 alle ore 20 e 30.