Reggio Calabria
 

Edilizia residenziale, Un Mondo di Mondi scrive a Governatore, Giunta regionale e Sindaco FF di Reggio

L'associazione Un Mondo Di Mondi chiede al Presidente della Regione Roberto Occhiuto e alla Giunta regionale di prorogare la scadenza del 5 dicembre prossimo dell'Avviso pubblico sull' Edilizia Residenziale Pubblica con i fondi PNRR, per dare la possibilità ai Comuni che fino ad oggi non hanno presentato una proposta di poterlo fare .
Sembra che il Comune di Reggio Calabria sia uno dei comuni che non ha presentato alcuna proposta. L'Avviso destinato ai Comuni ed all'Aterp Calabria prevede sia l'acquisto di nuovi alloggi da assegnare agli aventi diritto che la ristrutturazione di quelli esistenti per renderli abitabili e rispondenti alla normativa vigente in materia energetica ed antisismica. Perciò costituisce un'importante occasione da non perdere, vista la grave situazione di disagio abitativo che in molti comuni del reggino interessa sia le famiglie che hanno bisogno di una casa che gli assegnatari che attendono da anni la ristrutturazione dell'alloggio assegnato. Pertanto, invitiamo il sindaco ff Paolo Brunetti ed il Dirigente del settore Erp a richiedere tempestivamente come Ente una proroga alla Regione, impegnandosi nella presentazione di una proposta per l'acquisto di nuovi alloggi e la ristrutturazione degli alloggi comunali esistenti.

Lo stesso invito lo estendiamo ai sindaci degli altri comuni del reggino che non hanno ancora presentato una proposta e nel cui territorio esiste un grave problema di disagio abitativo. L'Avviso regionale è stato approvato dalla Regione Calabria in riferimento al D.L. del 06/05/2021 n. 59, convertito con la Legge n. 101 del 01/07/2021 che ha approvato il Piano nazionale per gli investimenti complementari finalizzato ad integrare con risorse nazionali gli interventi del Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza (PNRR). Il Decreto stabilisce, tra l'altro, la ripartizione delle risorse per la riqualificazione dell'Edilizia Residenziale Pubblica, assegnando alla Regione Calabria la somma di euro 97.724.075,93 .

Non è una cifra sufficiente per dare una risposta completa alla questione del diritto alla casa, ma se utilizzata bene potrebbe costituire l' avvio di progetti rispondenti all' effettivo bisogno esistente nei territori. Per questo sarebbe necessario considerare l'urgenza di incrementare il patrimonio degli alloggi, che da anni è eroso da una politica fatta solo di dismissioni che esclude nuove acquisizioni. Ma insieme all'aumento del patrimonio Erp va considerata anche la necessità della manutenzione straordinaria degli alloggi esistenti che da tempo non viene garantita in modo strutturale mettendo in pericolo l'incolumità fisica delle famiglie assegnatarie. Bisogna anche dire che i numeri del disagio abitativo nella città di Reggio Calabria sono impietosi. Diverse centinaia di nuclei familiari attendono da molti anni l'assegnazione di un alloggio ed una parte consistente di questi nuclei è perfino vincitrice del bando ordinario 2005 e della graduatoria emergenza abitativa pubblicata il 22 dicembre 2020. Dieci nuclei familiari vivono ancora in condizioni disumane nelle baracche dell'ex Polveriera. Una buona parte dei 2880 alloggi comunali ha bisogno, da molti anni, di pesanti interventi di manutenzione straordinaria perché le strutture stanno crollando. Anche nel comune di Gioia Tauro la situazione del diritto alla casa è molto grave se si considerano i nuclei familiari che vivono nelle baracche di via Asmara , quelle che abitano nel ghetto di case popolari della Ciambra e le condizioni strutturali degli altri alloggi popolari. Per questo sarebbe molto grave che il Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza (PNRR) cominciasse con i maggiori Comuni del reggino che non presentano proposte per questo primo Avviso. Auspichiamo che il nostro appello al Presidente della Regione , alla Giunta regionale, al Comune di Reggio Calabria ed agli altri comuni venga accolto con la proroga dell'Avviso e la successiva presentazione di progetti rispondenti alle problematiche esistenti.