'Ndrangheta, premio dell'Università di Essex alla ricercatrice calabrese Anna Sergi per i suoi studi su espansione in Australia

sergi annaL'Università di Essex ha conferito alla calabrese Anna Sergi il "Research Impact Award 2018" per la "ricerca sociale ed economica ad alto impatto sulla comunità", categoria giovani ricercatori, sponsorizzato dal "Research Council" del Regno Unito. Il premio è stato assegnato ad Anna Sergi per i suoi studi in Australia con il supporto della "Australian federal police", interessata a capire ed a contrastare la 'ndrangheta sul suo territorio con il fine ultimo di un cambiamento legislativo delle politiche di contrasto.

Il premio consiste in una targa e in un'assegnazione di fondi per continuare la ricerca. Il curriculum di Anna Sergi è ricco di esperienze ed il premio conferitole dall'Università di Essex non é che l'ultimo di una serie di riconoscimenti che le sono stati attribuiti dopo la laurea in Giurisprudenza a Bologna e un master in "Criminal Law, Criminology and Criminal Justice" al King's College di Londra.

Nel 2014 Anna Sergi ha conseguito un dottorato in Sociologia, con indirizzo in Criminologia, presso il Dipartimento di Sociologia dell'Università di Essex, dove insegna dal 2015, dopo un anno come docente alla Università di West London. Si è specializzata negli studi sulla criminalità organizzata e sulla giustizia penale comparata e su questi temi ha pubblicato numerosi articoli su riviste internazionali e tenuto lezioni anche in università italiane, come quelle di Pisa e Catania. Nel 2013 ha condotto ricerche alla New York School of Law, Centro per la ricerca in crimine e giustizia, in qualità di "Program Affiliate Scholar". Nell'autunno 2015 ha lavorato come consulente per l'Australian Institute of Criminology a Canberra e come ricercatore presso la Flinders Law School, ad Adelaide. Nel 2017 è stata ospite dell'Università di Montreal in Canada e all'Università di Melbourne in Australia come "Visiting International Fellow". Sempre nel 2017 Anna Sergi è stata vincitrice del "Premio Italia" per la categoria Scienze sociali, promosso dall'Ambasciata italiana di Londra per ricercatori di nazionalità italiana nel Regno Unito.