Catanzaro
 

Ugl-Les: "Poliziotti di Catanzaro doneranno propri vestiti"

"Si continua a tagliare sulla Polizia di Stato ed oggi, dopo la recente circolare che dispone di riassegnare le divise usate che non sono completamente logorate, i tagli riguardano il vestiario. Si è arrivati ad un ulteriore taglio che va ad incidere sulla somma destinata all'acquisto di abiti civili". Lo scrive il sindacto Ugl Les.

"Per alcuni servizi che vengono svolti obbligatoriamente in abiti borghesi un tempo veniva data, con cadenza annuale, la possibilità di recarsi presso un negozio convenzionato ed acquistare a carico della Amministrazione un vestito completo. Ed è anche rimarchevole il fatto che detto vestito fosse talmente di bassa fattura che era facilmente riconoscibile una volta indossato e poco importava che chi lo indossava rischiasse di stare dentro un vestito prevalentemente sintetico e per una intera giornata (come le scorte o gli autisti). Nel passato l'Amministrazione, in luogo della fornitura diretta di questa sorta di vestito, corrispondeva l'equivalente economico per l'acquisto, dando così la possibilità ai poliziotti di poter aggiungere del loro e comprare così degli abiti di miglior fattura. Ma con gli anni quel contributo è diventato una variabile legata strettamente al parametro inflazionistico, ovvero più saliva il costo della vita e più diminuiva il contributo: oggi quel contributo tocca la soglia dei 54,00 €. Tra l'altro, rispetto al 2016, è stato ridotto di un ulteriore 30 per cento. Con un contributo del genere rimane alquanto difficile potersi comprare un vestito ... forse un saio sì. Ma con i prezzi che hanno gli abiti talari, sarà difficile potersi permettere anche una tonaca di ruvido panno. "Di fatto questo contributo può essere considerato una vera e propria elemosina." Cosi ha esordito il Segretario Provinciale dell'Ugl-Les di Catanzaro Alessandro Caroleo commentando il budget stanziato e che ha poi proseguito: "potremmo rifiutare di accettarlo, ma siamo circondati da persone con una consapevolezza talmente ridotta che il nostro gesto di rifiutare questo obolo, per quanto clamoroso, non le scalfirebbe affatto. Per tale motivo ritengo più utile riunire tutti i colleghi interessati a comprare, con questa esigua cifra, degli indumenti da poter destinare a una associazione di volontariato: perlomeno se non possiamo vestire noi, almeno (riunendo le forze...) possiamo vestire qualcun altro".