Lamezia Terme (Cz), Progetto Pon: 500 studenti coinvolti nello storytelling del patrimonio culturale

Presentato al Chiostro Caffè Letterario "Storymapping culturale, digital Storytelling del patrimonio culturale" esito finale del lavoro didattico inserito all'interno del progetto Pon 2014-2020 "Potenziamento dell'educazione al patrimonio culturale, artistico, paesaggistico" che coinvolge circa 500 allievi di 5 istituti scolastici di diverso grado: I.C. "Spirito Santo" di Cosenza (capofila del progetto); I.C Manzoni – Augruso; I.C. F.Fiorentino; IPSSAR Einaudi e il Liceo Scientifico G.Galilei di Lamezia Terme; più di 700 ore di laboratorio, 13 esperti, 22 docenti, 3 territori, in rete con Enti, Comuni ( Cosenza e Lamezia ), Conservatori e Associazioni Culturali. Al Chiostro, nel mostrare gli elaborati, erano presenti le classi IV e V (A e B) del liceo scientifico. Presenti, in sala, anche il sindaco Paolo Mascaro e il vescovo Monsignor Giuseppe Schillaci di Lamezia Terme. Soddisfatto il preside Massimo Ciglio dell'Istituto Spirito Santo di Cosenza. "La scuola deve essere brava a formare il demone - ha detto al pubblico composto da studenti, docenti, genitori -, deve sollecitare l'alternativa, perché il contrario di noia non è divertimento ma interesse".

Ma di cosa si è trattato in sostanza? L'idea è stata quella di associare al Pon riferito al patrimonio culturale, un'altra legge dello stesso anno 2018 " n° 188 del 04 dicembre 2017, recante" Disposizioni per la celebrazione dei centocinquanta anni dalla morte di Gioachino Rossini", volta a sostenere le iniziative di promozione di conoscenza della figura del compositore e delle sue opere. Una iniziativa importante tale da essere patrocinata ed inserita nel calendario nazionale per le celebrazioni rossiniane dal "Rossini Opera Festival" di Pesaro alla presenza a Lamezia Terme del Direttore principale dell'Orchestra Rossini di Pesaro Daniele Agiman. Un lavoro, dunque, che ha consentito di trattare di Opera lirica, in quanto principale patrimonio culturale italiano esportato in tutto il mondo ( in una regione particolarmente sofferente in questo settore artistico ) e la sua funzione educativa multidisciplinare ripartendo dalle scuole, che ha messo appunto assieme gli elementi sensoriali dell'allievo, quali l'ascolto, la gestualità, lo sguardo, come approccio consapevole relazionale dei propri linguaggi creativi cosi da rapportarli metaforicamente alle dinamiche di relazione presenti nell' Opera, capace di unire in sé le varie espressioni artistiche.

Il lavoro specifico sullo Storytelling ha inoltre puntato l'attenzione sui beni culturali, sugli spazi urbani, sulla conoscenza e la riscoperta dell'intera Calabria. Gli studenti, guidati dalla docente Maria Scalese e dal tutor Ettore Barberino, si sono impegnati nella creazione di una App, una mappatura completa che per storia e geografia ha inteso tracciare il circostante, inserendo fra le altre cose gli animali in estinzione, i teatri della Calabria, le grotte naturali calabresi, i castelli e le torri normanne di Calabria. Ad addentrare i giovani nell'ulteriore viaggio, quello affascinante con sé stessi, è stato il regista di Opera lirica e ideatore dell'intero progetto, denominato "Organizziamo la follia", Luca Mazzei, che ne ha illustrato i contenuti: "Stare in rete per la cultura, per la bellezza" - ha spiegato Mazzei nel mostrare alcune immagini e video dei lavori svolti, fra diversi laboratori incentrati sul movimento del corpo in sintonia col ritmo della musica, le percezioni, lo sguardo cercato in alcuni luoghi, oltre al lavoro prettamente artistico di arie e conoscenza dell'Opera affrontata, la " Cenerentola" di Rossini. Infine l'ultimo intervento è stato quello dell'attore Dario Natale che all'interno del Tip Teatro, teatro indipendente del centro storico di Nicastro, ha pure partecipato al progetto con il modulo "Opera a modo mio 2". Un laboratorio teatrale basato sullo storytelling di esperienze culturali nate dal basso e formate da giovani, utile a risvegliare le coscienze, a cui si è abbinato il lavoro di improvvisazione e creazione di performance in sala.

Creato Giovedì, 05 Dicembre 2019 18:07